mercoledì 30 giugno 2010

Vacanze. Troviamo una soluzione. Post palloso di un'eterna indecisa.

E' tempo di vacanze, mare, montagna, città d'arte. C'è chi è già partito, chi prepara le valige, chi partirà per agosto e chi rimarrà a casa. Ecco. Io appunto, apparterrei all'ultima categoria, almeno fino ad ora questo è.
Ma per fortuna (o per sfortuna? dipende dai punti di vista), abito in collina e il mio paese dista circa 15 km dal lido. Ho deciso che queste mie figliolette, un pò di mare lo meritano, un pò di sano divertimento, un pò di sole, un pò di ....eccheppalle, sto già male al pensiero.
Dicevo che ho deciso di iniziare il mare lunedì prossimo.
Il problema qual è?
Il problema nasce (1) nel momento in cui devo decidere, con che mezzo portare le suddette figliolette al mare. E poi, nasce (2) quando mio padre mi propone di andare alla casa che abbiamo al borgo, che dista 3 km dal lido. E poi, nasce (3) quando stamattina mia suocera mi suggerisce di trasferirmi-ci in casa loro, in campagna, a circa 7 km dal mare per poterci andare insieme.
Allora, penso che le tre cose vanno analizzate, ponderate e infine mi tocca scegliere.

1) Dovrei (il condizione è d'obbligo) fare su e giù con la macchina per 15 km, tutti i giorni, partire alle 7 e rientrare alle 11.30, lavare le Polpette, sistemare la borsa, fare la doccia, preparare il pranzo, far dormire le piccole, dedicare l'intero pomeriggio alla casa, alla cena, spazzare ogni nano secondo la sabbia del mare che mi ritroverei in ogni angolo della mia adorata casa (quanto la odio la sabbia), avere i nervi a fior di pelle, rinunciare al cazzeggio pomeridiano per fare le faccende, lavatrici, aspirapolvere, pavimenti da lavare e chi più ne ha più ne metta. D'altronde, l'anno scorso l'ho fatto per circa 15 giorni, e tutto sommato poi ci si abitua, diventa routine, ma oggi al pensiero mi sale la temperatura.

2) Per far fronte a tutto ciò, mio padre mi ha proposto di trasferirmi nella loro casa al mare, che però si trova al borgo e non al lido. Avrei comunque bisogno di un mezzo di trasporto, farmi 3 km. Le Polpette le laverei comunque, io la doccia me la farei lo stesso, il pranzo e la cena anche, ma almeno mi risparmierei la fatica delle faccende. Certo le farei ugualmente, ma un conto è pulire 150 mq di casa e un altro pulirne 50. E poi, si sa, la casa delle vacanze non deve necessariamente essere super pulita, sarebbe sufficiente fare il minimo indispensabile. Ma che ci faccio io in una frazione di poche anime, sola soletta con le Polpette? No, troppo noioso.

3) Stamattina, parlando con la suocera di tutto ciò, è saltata fuori un'ultima proposta.
La nonna Emme, santa suocera (che sta andando al mare già da un mese col nipote quattrenne), mi ha proposto di andare a casa sua, trasferirmi proprio lì con le Polpette.
La cosa non mi disturberebbe affatto. Non ho trovato nessun punto negativo.
-io vado d'accordissimo con loro;
-andrei al mare con lei e col nipote quattrenne (vabbè se non ci fosse sarebbe meglio);
-non dovrei cucinare, anzi avrei il piatto bello e pronto per me, per Paponzo e per le Polpette;
- non farei le pulizie, massì certo, l'aiuterei comunque nella gestione della casa, ma fare le pulizie a casa degli altri mi è sempre piaciuto di più che farle a casa mia;
-avrei una camera, anzi anche due se vogliamo, tutta per noi;
-le Polpette sarebbero ultra felici di stare con i nonni e con il cuginetto;
-oltre a godere dei benefici marini, le Polpette respirerebbero aria pura di campagna e questo non può che far bene.

D'accordo, tutto ok, ma io che ci faccio in campagna, 24 ore su 24, tra pecore, capre, galline, cani e gatti? E poi senza internet? Per me sarebbe una grande palla, ma pensando positivo, potrei rilassarmi, fare lunghe passeggiate, leggere libri, farmi lunghe dormite. Un pò noioso direi, ma d'altronde non si può avere tutto e credo che questa potrebbe essere una bella soluzione.
Non ne ho ancora parlato con Paponzo, ma credo che sarebbe d'accordo, perchè pensandoci bene, gli uomini, seppur a 33 anni, hanno sempre bisogno del latte di mammà.
E' tutto da vedere, ma comunque vada una cosa è certa: noi da lunedì prossimo ce ne andiamo al mare (tempo meteorologico permettendo).

5 commenti:

lady ha detto...

mica ci devi passare l'inverno dalla suocera. prova, male che vada torni a casina tua. io invece non potrei mai stare in casa di altri, non mi sentirei libera e non sarebbero vacanze. facci sapere cosa hai scelto. un bacio

Anna ha detto...

Ele
mentre tu decidi, posso prendere il tuo posto!?Io dico dalla suocera!Fatti coccolare, riposati, rigenerati, ricarica le batterie,leggi un libro,assapora il gusto del docle far niente...
Non dico di passarci tutta l' estate, potresti alternare un pò da lei e un pò da tuo padre (così non fai un torto a nessuno!) e come dice lady se le due alternative a un certo punto ti stanno strette, puoi sempre tornare a casina tua!!
P.s.
Io con la mia di suocera MANCO MORTA!!Ma questa è un'altra storia...

bismama 2.0 ha detto...

Io dalla suocera ci sto da un mese e ci starò fino a settembre. Loro abitano in campagna e per i pupi è un gran bel posto. :-)
Quoto le altre. Se poi non ti sta bene te ne torni con una scusa

EricaML ha detto...

io le ferie le salto...e nel mio caso vuol dire nn staccare dal lavoro fino al prossimo anno.
a me andrebbero bene tutte e 3 le opzioni... ma se stai bene con la suocera opto anche io x quella.

lollamamma ha detto...

suocera suocera suocera! e beata te che la tua è "presente"... e senza internet è ancora meglio!