venerdì 26 marzo 2010

La mia amica si chiama Sfiga


Ormai è chiaro, in casa nostra, oltre a me, a Paponzo e alle Polpette, vive un'altra persona, che io ho simpaticamente denominato l'amica Sfiga.
Lei dorme tutto il giorno e agisce la notte.
Succede che dopo le 21, quando dormono la piccole, (anche Paponzo a dire il vero), io mi rilasso al pc. E' come se uscissi con le amiche a bere una birra. Navigo di quà e di là, coltivo il mio orticello su facebook, mungo vacche e raccolgo i frutti, poi passo a Mammacheclub, leggo le varie discussioni, esprimo la mia opinione a riguardo, se ne ho voglia, oppure mi limito a leggere. Infine ci sono i blogs, ed anche qui, leggo e rileggo, commento a volte si a volte no, sistemo il layout, e così faccio notte. Per fare notte, non intendo dire che vado a letto tardi, cerco di non andare oltre le 23.30/24.00.
Mentre io faccio tutto questo, la mia amica Sfiga mi osserva attentamente, e soprattutto guarda bene l'orario, nel momento in cui io decido di spegnere il computer. Si, perchè se io faccio troppo tardi (oltre le 23.30), lei me la fa pagare e nel cuore della notte, mi porta il conto su un vassoio d'argento.
Ho fatto anche degli esperimenti a riguardo. Se per esempio vado a letto alle 21.30/22.00, la mia amica Sfiga si fa i fatti suoi, mi lascia dormire tutta la notte, e fa si che le mie Polpette drmano 10/12 ore di fila. Ma se faccio tardi, si accorda con le Piccole, fa in modo che loro (in realtà è solo la Polpona), si sveglino due minuti dopo aver messo la mai testolina sul cuscino e mi fanno fare delle nottatacce, tra camomille, latte e dondolii vari.
E' successo anche ieri sera.
Solita ora, accendo il pc, faccio due chiacchiere con un'amica (che non si chiama Sfiga), mungo, leggo blog e così via. A causa del caffè preso alle 20, il sonno tardava ad arrivare e così si sono fatte le 24.30. Lei, la cara amica Sfiga, mica poteva mancare! Mi metto nel mio letto, e gira e rigira, non riuscivo a prendere sonno. Ed ecco che dalla radiolina che ho sul comodino, inizio a sentire dei lamenti che si fanno sempre più insistenti, sento chiamarmi, vado riscaldo un pò di latte, glielo offro alla Polpona, ritorno aletto. E gira rigira, lei finisce il latte e ricomincia. Mi rialzo, la prendo in braccio ed esco dalla camera, visto che iniziava a agitarsi anche Polpina. La porto sul lettone, lei tossisce, tossisce tanto e si addormenta appiccicata a Paponzo. Nel frattempo si sono fatte le 3. Io mi rimetto a dormire e vedo lei, dietro la porta della camara da letto, che se la ride sotto i baffi (si si, c'ha pure i baffi l'amica Sfiga). Che te possino ammazzà, penso. Ma evidentemente, ha capito che era il caso di lasciar perdere, forse si è fatta intenerire dalla Polpona che non smetteva di tossire.
Perchè in fondo sarà pure una grande stronza, ma l'amica Sfiga un cuore ce l'avra per davvero.

P.S. Ciò che ho scritto in questo post è davvero ciò che accade quando tardo. Certo l'amica Sfiga è frutto della mia fantasia, ma le Polpette davvero me la fanno pagare.

1 commento:

mammalellella ha detto...

succede anche a me!
Non è che le hai dato il mio indirizzo?
:)