giovedì 22 novembre 2012

Vent'anni della vita mia

Ho perso vent'anni di vita, perdendo ieri il mio cellulare.
Che poi del telefonino non me ne frega un'emerita mazza, anche se me lo regalò Paponzo due anni fa in occasione del mio compleanno. Fu un evento storico, dato che,  mio marito e un pò restio nel fare i regali e soprattutto le  sorprese. Al di là del suo valore (volevo un cellulare che mi permettesse di inviare e ricevere chiamate e/o sms, senza fotocamere e cose varie), mi stupì ricevere quel regalo inaspettato e fu amore a prima vista. Era rosso, piccolo e con apertura a conchiglia. Ora chissà in quali mani si trova, povero piccolo mio. Ma tant è!!!
Dicevo che del cellulare me ne frega  relativamente, invece della scheda mi interessa e non poco.
Partiamo col dire che è stato il primo ed ultimo numero telefonico. Ha praticamente diciottanni, visto che il mio primo telefonino l'ho ricevuto dal mio papà all'età di diciannove anni, in concomitanza con l'inizio dell'università e conseguente trasferimento  di residenza nella bella città di Lecce.
Cioè, dico,ci rendiamo conto? E' stata l'unica scheda sim della mia vita (piango ;-(  ). In realtà ne ho acquistate altre di altri gestori telefonici, per non lasciarmi scappare alcune offerte o tariffe vantaggiose, sim card che poi ho fatto "scadere" visto il loro scarso uso, perchè tutti coloro che mi conoscono hanno avuto sempre solo il primo numero.
Che disperazione!!!!!!!!!!!!
E poi per il lavoro, come cacchio la mettiamo? Per le supplenze mi chiamano sempre sul cellulare, e senza quel numero io sono.... il nulla. Mi domando come è stato possibile perderlo, forse non sarei dovuta uscire ieri sera. o non sarei dovuta entrare in quel negozio, o non avrei dovuto metterlo sul piumone del carrozzino, avrei dovuto, avrei potuto, ecc. ma a che serve? Ormai è fatta, il telefono non c'è più anche se io sto attaccata come una cozza allo scoglio al telefono fisso e compongo e ricompongo il mio numero nella speranza di una risposta.Se, sticazzi, ovviamente appena perso squillava, poi l'hanno spento, mica so scemi. Urge recuperare il mio numero però. E a chi in questo momento possiede il mio adorato telefono, auguro un mese di dissenteria, se mi restituiscono la sim, bastano quindici giorni.

5 commenti:

Marina ha detto...

Guarda che puoi andare in un negozio del tuo gestore e ripristinare la tua sim!! A mio figlio l'hanno rubato a scuola al mattino e nel pomeriggio aveva di nuovo la sim col suo numero e col suo credito (avevo appena fatto una ricarica!). I numeri se non sono salvati sulla sim ma sul cellulare li perdi! Puoi anche bloccare il telefono basta avere il numero seriale (guarda sulla scatola dove c'era il telefono se ce l'hai ancora) mandi un modulo via fax al gestore e così chi ritrova il tuo telefono non se ne fa una emerita mazza!!!! ciao

Slela ha detto...

Confermo, anche mio marito ha perso un telefono.
Fai annullare la sim e te ne fai dare un'altra col tuo vecchio numero.
Perdi solo i numeri di telefono archiviati nella scheda.

franci ha detto...

Concordo con le altre ... e facci sapere e soprattutto blocca il telefono ;D

Rossella - Casa Lellella ha detto...

blocca il telefono!
e per il resto, beh, direi che venti giorni di cagotto mi sembrano una giusta via di mezzo ;)
baciotti

Debora ha detto...

Una bella menata come al solito.